Molecole d’autore in cerca di memoria

Prenotazione obbligatoria


giovedì 18 luglio

con Luigi Dei, Magnifico Rettore Università degli Studi di Firenze

Liberamente tratto da Il sistema periodico di Primo Levi, il monologo Molecole d’autore in cerca di memoria  è ambientato in uno scenario da Fahrenheit 451. In tale mondo senza libri né memoria si affaccia un uomo della strada con dei foglietti non ben decifrabili: con l’aiuto della voce narrante, di suoi amici – Scienza, Tecnologia e Natura – e di due attori a lungo fuori campo, Primo e l’amico Alberto, l’uomo riesce a ricostruire l’episodio del racconto Cerio. Grazie al ricordo si ricostruisce così l’identità perduta, ossia la nostra storia. Scienza, Tecnologia e Natura consentono all’uomo senza memoria di appropriarsi di sapere ed emanciparsi dal suo stato. Il dramma trova la sua catarsi con un passo commovente, ispirato al racconto Carbonio, che liricamente crea un nesso atemporale fra un atomo di carbonio del fumo di un forno crematorio e il medesimo dimorante nel corpo di qualcuno di noi, parabola poetica di una scienza immersa nella vita e nella storia dell’uomo. Nella versione a monologo i sette personaggi vengono interpretati dall’autore Luigi Dei, che si avvale di un’avvincente presentazione multimediale.

LUIGI DEI

E' professore ordinario di chimica presso l'Università degli Studi di Firenze di cui, dal 2015, è Rettore. Formatosi alla scuola di Giulio G.T. Guarini ed Enzo Ferroni a Firenze e specializzatosi nella cosiddetta soft matter con il Premio Nobel per la Fisica Pierre Gilles de Gennes, Luigi Dei è pioniere nel campo dell'applicazione delle nanoscienze e nanotecnologie alla conservazione dei beni culturali. Grazie alla sua grande attenzione al rapporto fra scienza, arte e letteratura, nel 2018 riceve dalla città di Firenze il Premio Porcellino, assegnato ogni anno a personalità che, in ambiti professionali diversi, hanno contribuito a valorizzare il ruolo di Firenze, quale città simbolo di cultura e scienza. In possesso di spiccate capacità comunicative e recitative, Luigi Dei utilizza le conferenze-spettacolo come strumento principale della sua attività di divulgazione scientifica.